Per tutti gli ordini superiori a 100.- riceverai in omaggio un piccolo pacchetto delle nostre tisane

7 semplici passi per fare l'olio CBD (o THC) a spettro completo in casa

Table of Contents

7 semplici passi per fare l'olio CBD (o THC) a spettro completo in casa

L'olio di CBD a spettro completo è il miglior tipo di olio di CBD in circolazione, ma è anche parecchio costoso! Preparare un’olio di CBD a spettro completo in casa non è poi così complicato!

Questo articolo delineerà 7 semplici passi che ti aiuteranno a fare questo incredibile prodotto direttamente nella tua cucina!

Lo stesso processo può essere utilizzato per l’estrazione di olio con THC, ma, dato che in Svizzera il THC non è legale, vogliamo assicurarci che i nostri lettori siano coscienti della legge attuale.

Questo articolo è a scopo informativo, non intendiamo in alcun modo incentivare l’utilizzo di qualsiasi sostanza illegale. 

Il nostro blog viene letto da persone in tutto il mondo e, per esempio, in molti stati americani il THC è legale. 

Ci rivolgiamo direttamente a loro quando parliamo di olio THC a spettro completo.

Vale la pena di produrre il proprio olio di CBD (o THC) a spettro completo (full-spectrum) in casa?

La prima cosa da considerare riguardo all'olio CBD full-spectrum è l'alto costo con cui viene venduto sul mercato, questo è il primo motivo per cui farsi il proprio olio CBD in casa può essere una valida alternativa. Per saperne di più dai un'occhiata al perché l'olio di CBD è così caro.

Un'altra ragione potrebbe essere quella di avere il controllo su ogni aspetto della coltivazione, dell'estrazione e della produzione. Questo assicura che ciò che si consuma è puro e a spettro completo.

Preparare il proprio olio di CBD può essere un processo abbastanza semplice, ma richiede tempo e attenzione ai dettagli, e naturalmente, se si è agli inizi, i primi prodotti non avranno una qualità paragonabile agli oli venduti da produttori professionisti come noi ;-)

Può però essere molto interessante e soddisfacente, per questo motivo noi di Slow Weed siamo molto felici di poter condividere con i nostri lettori la conoscenza che abbiamo raggiunto dopo anni di esperienza e di esperimenti.

Di cosa hai bisogno per fare il tuo olio di CBD a spettro completo (full-spectrum)?

1) Fiori di CBD

Prima di tutto avrai bisogno dei fiori di CBD, è meglio averne una discreta quantità, almeno 100 grammi o più, visto che nel processo di estrazione si perderà la maggior parte del peso.

Svolgere l’intero processo ha senso soltanto se alla fine si andrà ad estrarre un minimo di prodotto, e, secondo noi, 100 grammi di fiori sono il minimo indispensabile.

fiori di CBD

Chiaramente si possono usare quantità di fiori molto inferiori, anche con 50g si può estrarre qualcosa, ma avrebbe poco senso, dato che rimarrebbero soltanto pochi grammi di estratto, e una buona percentuale di questo andrebbe perso (una parte verrà persa sul recipiente che si utilizza per fare evaporare l’alcool).

Se compri i fiori, assicurati che l'azienda da cui compri i fiori non usi pesticidi, erbicidi e cose del genere, poiché con la tecnica di estrazione che andremo a spiegare questi agenti inquinanti finirebbero nel vostro estratto.

La miglior cosa da fare sarebbe utilizzare i propri fiori, ma se non si ha la possibilità di crescere le proprie piante di CBD (o THC) per problemi legati allo spazio o agli odori invasivi potrete sempre usare i nostri, dato che oltre a non utilizzare nessun pesticida o fertilizzante, ci mettiamo un sacco di amore (questa non è auto-promozione, lo giuro ;)

 

2) Un grinder o qualcosa per macinare l’erba

È necessario macinare l'erba per far penetrare l'alcool più in profondità nell'erba, e quindi avere una resa finale più alta.

È anche utile per migliorare il processo di decarbossilazione dei cannabinoidi.

3) Accesso a un forno e a una teglia

Per decarbossilare l'erba, e quindi 'attivare' il CBD, avrete bisogno di un forno e una (o più) teglie.

Per capire meglio il processo di decarbossilazione, necessario per avere un prodotto finito di qualità, puoi dare un’occhiata all’articolo che abbiamo scritto sulla decarbossilazione.

4) Etanolo puro (alcool 99%)

L'alcool è il miglior solvente per fare l’olio di CBD (o THC) a spettro completo, avrai bisogno dell'alcool più puro possibile (il migliore è l'alcool da cucina).

In Svizzera non è così semplice da trovare, e soprattutto è molto costoso viste le tasse sugli alcolici. Prova a chiedere a qualche amico/a o cerca su internet.

5) Due recipienti

Uno per mescolare l'alcol con l’erba, l’altro per prendere il solvente (alcool) con l’estratto sciolto all’interno (contenente tutti i cannabinoidi, flavonoidi e terpeni).

6) Filtri per il caffè

I filtri del caffè saranno utilizzati per rimuovere tutte le impurità quando il solvente avrà sciolto tutti i componenti utili per fare l'olio (cannabinoidi, flavonoidi e terpeni).

filtro caffè per fare olio CBD in casa

Un filtro come questo, li trovare al supermercato

7) Due pentole per il bagnomaria

Il bagnomaria sarà utilizzato alla fine del processo per ottenere l'estratto full-spectrum.

Bagnomaria

https://it.wikipedia.org/wiki/Bagnomaria

Sì, è cioccolato, ma questo è il principio 🙂

8) Olio vettore come MCT (olio di cocco, olio di canapa o olio di oliva extravergine)

Suggeriamo di usare l'olio MCT (di cocco) come olio vettore, date le sue proprietà uniche, di cui parleremo più avanti.

9) Un mestolo per mescolare l'estratto con l'olio vettore

Ultimo ma non meno importante, avrai bisogno di un mestolo per mescolare il tutto! (Evita il mestolo di legno, a meno che tu non voglia un mestolo che sa di canapa: sicuramente si impregnerebbe del gusto e dell’odore di canapa).

Come fare il proprio olio di CBD a spettro completo in casa, la ricetta:

1) Raccogliere o comprare i fiori

Prima di tutto è necessario coltivare o comprare i fiori che verranno utilizzati per l'estrazione.

Ci sono diversi ceppi disponibili con diverse concentrazioni di cannabinoidi e terpeni, quindi è importante avere un buon punto di partenza prima di iniziare.

Come detto prima consigliamo vivamente di utilizzare un minimo di fiori, ma se questo è il vostro primo esperimento, una quantità minima di circa 20-50 grammi potrebbe essere sufficiente.

2) Seccare i fiori

La seconda cosa da fare, se hai appena raccolto i fiori, è farli seccare.

Chiaramente se avete comprato i fiori saranno già secchi, questo passaggio non sarà necessario.

3) Macinare (o grindare) l’erba

Poi dovrai grindare la tua erba, macinala finemente per garantire una maggiore resa del prodotto.

4) Decarbossilare (o attivare) il CBD in forno a 110°C per 60 minuti

Distribuire uniformemente l'erba macinata sulla teglia e metterla nel forno preriscaldato a 110°C per 60 minuti (a seconda del colore, deve essere marrone dorato, non troppo verde ma nemmeno troppo nero).

Se hai fretta puoi anche metterla in forno per 15 minuti a 145°C, in questo modo però andresti a rovinare alcuni dei terpeni (che danno il gusto e le note fruttate ai fiori di canapa).

decarbossilazione canapa

https://honestmarijuana.com/decarboxylation/

Dopo il processo di decarbossilazione la canapa dovrebbe essere un po’ marroncina, ma non bruciata. 

5) Estrarre cannabinoidi e altri composti usando un solvente (alcool)

Mescola l'erba macinata con l'alcool in un recipiente e lasciala in ammollo per 3 minuti.

Puoi ripetere questo passaggio più volte con la stessa erba, oppure puoi lasciare l'erba in ammollo più a lungo, il problema è che più a lungo la lasci in ammollo (o più passaggi fai), più il solvente estrarrà anche la clorofilla, che andrà a peggiorare il sapore del tuo prodotto finale (e non poco, renderà il tuo olio estremamente amaro).

Hai due scelte e dovrai decidere cos’è la cosa più importante per te: più prodotto ma con meno qualità, o meno prodotto con più qualità?

Se vuoi, puoi fare due prodotti diversi, il primo di altissima qualità (immergere l'erba nell'alcool una sola volta per 3 minuti) e un secondo prodotto di qualità inferiore (quindi il prodotto risultante dal secondo e terzo passaggio in alcool).

In questo modo sarai sicuro di non sprecare l'erba, pur potendo godere di un prodotto di prima qualità.

Dopodiché dovrai filtrare il tutto con dei filtri da caffè, che separeranno l'alcool (che ora conterrà tutti i cannabinoidi e altri componenti) dalle parti dell'erba (che dopo il terzo passaggio in alcool non conterrà praticamente più nulla di utile al nostro scopo).

Ora, quello che ti rimane, è alcool con al suo interno tutte le sostanze (cannabinoidi, flavonoidi, terpeni e un po' di clorofilla) disciolte.

Noi chiaramente abbiamo dei macchinari professionali apposta per l’estrazione di olio full-spectrum. Però il concetto è lo stesso. 

6) Lasciare che l'alcool evapori

Il prossimo passo sarà quello di far evaporare l'alcol con la tecnica del bagnomaria (fate attenzione a non usate un fornello a gas, l'alcol è altamente infiammabile, ed evapora molto facilmente, quindi c’è il rischio che prenda tutto fuoco!)

La tecnica del bagnomaria è una semplice strategia per far evaporare l'alcool a basse temperature, basta far bollire l'acqua in una pentola e metterci sopra un'altra pentola con l'alcool contenente i cannabinoidi che hai filtrato prima.

Quando questa fase sarà terminata ciò che rimane è un liquido molto denso, scuro e dorato. Questo è il nostro estratto di CBD (il contenuto di CBD dipende da molti fattori come: i fiori usati, il passaggio nel solvente, come il fiore è stato essiccato,...)

estratto CBD o THC

Questo è l'estratto di CBD che otterrai.

 

Per creare un olio con una percentuale definita di CBD o THC, (come 5% o 20%), dovremo inviare il nostro estratto per essere testato in un laboratorio, ma è molto costoso e inutile per una produzione domestica.

7) Mescola il tuo estratto di CBD con l'olio vettore

Si consiglia di aggiungere per 1 parte di olio, da 5 a 10 parti di olio MCT, a seconda di quanto potente vuoi che sia il prodotto finale.

Sempre nella pentola a bagnomaria, aggiungere la quantità desiderata di olio MCT e mescolare senza fermarsi finché l'estratto e l'olio sono ben amalgamati, e assaggiare per vedere se si deve aggiungere altro olio di cocco (se il sapore è troppo forte e ‘prepotente’).

Ora avrai il tuo olio full-spectrum fatto in casa! Non ti resta che versarlo nei contenitori e farlo raffreddare, e voilà!

Perchè consigliamo l’olio MCT come olio vettore?

L’olio di cocco, o MCT, è l’olio con il sapore meno invadente che si conosca, è quindi il migliore quando si parla di olio di CBD (o THC), dato che non andrà ad alterarne il gusto.

Conclusione:

In conclusione possiamo dire che fare il proprio olio CBD full-spectrum a casa è possibile, ma avrete bisogno di un po' di tempo, sforzo, pazienza e molta erba.

Se hai intenzione di provare questa ‘ricetta’, faccelo sapere! Scrivici sui social o sulla nostra email!

Speriamo che questo articolo possa esserti d’aiuto, buona fortuna!